CE.S.MA.L.

Mercoledì 7 aprile 2021 alle ore 18 convegno online DONNE E MINORI, DIRITTI IN LOCKDOWN

Lo smart working forzato ha portato a casa milioni di italiani. All’intero dei confini domestici che hanno funzionato come protezione per tanti altri, donne e minori vivono una profonda costrizione. Per i minori non poter andare a scuola, non poter vedere le proprie maestre e i propri compagni di classe, non poter correre e giocare in un parco con i propri amici li ha certamente penalizzati. Per le donne un dato fa molto riflettere: le chiamate al numero antiviolenza 1522 e ha registrato un incremento delle richieste d'aiuto del 73% durante il lockdown rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Ne parliamo con 

Giorgia Butera Sociologa Presidente METE ONLUS, Rosalba Rotondo Dirigente scolastico Istituto Alpi Levi Napoli, Sonia Ostrica Coordinatrice Pari Opportunità UIL Nazionale.

Per seguire il convegno clicca QUI


 
 

I MERCOLEDI’ del LAVORO del CE.S.MA.L. Centro Studi sul Management ed il Lavoro

  • DOMENICO DE MASI
  • PIERPAOLO BOMBARDIERI
  • ANTONINO GALLONI
  • CLAUDIO DI BERARDINO
  • ROBERTO TORTOLI
  • MASSIMO MERCATI
  • SILVIA ZANELLA
  • STEFANO MONTI
  • IVAN MAZZOLENI
  • ANGELO COLETTA
  • FRANCESCO ZACCARIELLO
  • CIRO CAFIERO
  • LUIGI BARTONE
  • TOMMASO SASO
  • ANDREA FROLLA'
  • PIETRO MARCOLINI
  • ELENA CEDROLA
  • ANGELA MARGIOTTA GIORGIA BUTERA

Nuovi lavori e nuovi modi di lavorare e i nuovi stili di vita con la diffusione della gig-economy e lo smart-working che sta generando una “rottura” su mercati e modelli di business: cambia il valore aggiunto di prodotti e servizi, mentre i rapporti di lavoro evolvono rapidamente e con connotazioni difficili da prevedere. 

Abbiamo chiesto ad alcuni autorevoli opinionisti, manager, imprenditori, ricercatori, sindacalisti il loro punto di vista e la lettura di quei dati e tratti salienti che caratterizzano la velocità con la quale si dispiega l’innovazione tecnologica con conseguenze non sempre positive (almeno a breve, medio termine) su tutta una serie di lavori e strati sociali. 

VAI ALLA PAGINA per vedere le interviste.

 

Lo spirito e l’attività del CE.S.MA.L si conformano ai principi della Costituzione Italiana e si fondano sul pieno rispetto della dimensione umana, spirituale e culturale della persona.

Il CE.S.MA.L si prefigge le seguenti finalità:

1. Lo studio delle dinamiche del lavoro in Italia e negli altri paesi con particolare riguardo a quelle relative al management delle imprese e di ogni attività economica e sociale;

2. Adottare iniziative di promozione culturale e di educazione permanente, curando l'attività didattica, provvedendo all'organizzazione e creazione di mostre e pubblicazioni in materia di lavoro e di management;

3. Promuovere una nuova cultura del lavoro basata sulla responsabilità sociale personale, sulla centralità della persona, sulle relazioni di reciprocità e sulla funzione sociale del profitto d’impresa;

E svolge le attività:

  1. Collaborazione in progetti ed iniziative con associazioni e istituzioni che condividono i medesimi valori, al fine di rafforzare la cultura e la progettualità nel settore di attività del centro Studi;
  2. Progettazione e gestione di percorsi di promozione della cultura del lavoro e del management e di uno sviluppo sostenibile per l’economia e le imprese, di supporto all’occupazione e all’imprenditorialità in ottica partecipativa, nuova occupazione, nuove dinamiche sociali;
  3. L’avvio, in proprio e in partenariato con Università, Centri Studi, Enti di ricerca, Scuole, nazionali e straniere, corsi e percorsi di formazione e di alta formazione sulle tematiche inerenti il lavoro ed il management;
  4. L’organizzazione di eventi di sensibilizzazione sulle tematiche del management e del lavoro.
Il CE.S.MA.L. Centro Studi sul Management ed il Lavoro – APS è una associazione si configura quale ente non commerciale e senza scopo di lucro neppure indiretto e con finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, ed in particolare quale associazione di promozione sociale che agisce ai sensi e nei limiti dell’art. 35 del Decreto Legislativo del 3/07/2017 n. 117 – Codice del Terzo Settore, della legislazione regionale in materia di associazionismo, nonché dei principi generali dell’ordinamento giuridico.

ISCRIVITI ALLA NEWS LETTER PER ESSERE AGGIORNATO SULLE NOSTRE ATTIVITA'